CALENDARIO 2018

Le foto appartengono al progetto Colorized Japan.

Immagini in bianco e nero scattate nell’ultimo anno e colorate con una tecnica che si ispira a quella usata da Felice Beato e altri fotografi che lavorarono in Giappone sul finire dell’800.

La scelta dei soggetti ritratti e la tecnica utilizzata vuole evidenziare i paradossi di un paese così lontano e iconico, in bilico tra una tradizione millenaria e una modernità sfrenata.

***
Photos belong to Colorized Japan Project. 

This Project is composed of BW pictures taken in the last year and colorized with a technique inspired by that used by Felix Beato and other photographers in the late ‘800. 

Both the subjects and the technique used, highlight the paradoxes of a so far and iconic country, living today on the edge between ancient traditions and the modernity.

 

GENNAIO 2018

All’alba un vecchio pulisce il sentiero tra i torii al santuario di Fushimi Inari-taisha nei pressi di Kyoto.

 

 

FEBBRAIO 2018

Un vecchio libraio nella sua bottega lungo il sentiero dei Filosofi a Kyoto, il cui nome deriva dal fatto che Nishida Kitaro, professore di filosofia vissuto a cavallo tra la fine del 1800 e la metà del 1900 vi passeggiava ogni giorno per recarsi a lavoro all’Università

 

 

 

MARZO 2018

Un istante rubato in una sake-house del quartiere Gion a Kyoto.

Nato originariamente come quartiere per viaggiatori e pellegrini in visita al Santuario di Yasaka, si è trasformato poi nel più famoso quartiere dei piaceri dell’antica capitale del Giappone, noto soprattutto per le sue case da the frequentate dalle geishe.

 

 

 

APRILE 2018

Una giovane coppia all’ingresso di un ristorante nella città di Hiroshima che si rifà negli arredi e nelle decorazioni al periodo Showa o periodo di pace illuminata e coincide con il regno dell’imperatore Hirohito.
Tale periodo, iniziato con una forte propensione nazionalistica nel 1926, portò il Giappone all’entrata in guerra al fianco di Germania e Italia nel 1941 e alla distruzione della città di Hiroshima da parte alleata nel 1945.

 

 

MAGGIO 2018

Alba al mercato del pesce Tsukiji a Tokyo

La zona interna del mercato, chiamata Jonai Shijo, è dedicata al commercio all’ingrosso del pesce locale e importato. La notte scorre tra la frenesia delle aste per i tonni e il continuo via vai chiassoso dei carrelli per il trasporto dei pesci e del ghiaccio. Quando la città si sveglia, i lavoratori di Tsukiji sono ormai alla fine del loro turno e si dedicano al bilancio delle vendite o a riordinare l’area a loro disposizione, con umori decisamente differenti…

 

 

GIUGNO 2018

KARAOKE

Un uomo guarda il suo riflesso e quello che più in generale sembra il riflesso di un Giappone tradizionale ormai perduto, in una finestra nella cittá di Osaka. Qui la ricerca della modernità e l’inesorabile percorso verso un’iconografia occidentale e stereotipata che questa comporta, sembra aver escluso lui e tutto il mondo racchiuso nella cornice di quel riflesso.

 

 

LUGLIO 2018

 

Un giovane militare in congedo riflesso nelle vetrate dell’avveniristico molo Osanbashi di Yokohama.

 

 

 

AGOSTO 2018

Il curioso proprietario di un bar di Tokyo intento nella preparazione di un cocktail.
Il suo minuscolo locale, nascosto al primo pano di una casa apparentemente anonima è un’orgia di locandine e souvenir cinematografici, stipati ovunque, fino ad occupare ogni spazio disponibile dal pavimento al soffitto. Un vecchio televisore, che si fa largo a fatica tra tutte le cianfrusaglie, trasmette ininterrottamente film d’autore (Fellini è uno dei suoi registi preferiti) conservati nel mastodontico archivio di VHS.
Mentre la vita della città scorre seguendo i propri ritmi, spesso alienanti e incomprensibili, Il curioso proprietario di questo bar ha scelto di ritagliarsi un piccolo angolo di mondo, dal quale non uscire quasi mai, e nel quale circondarsi delle proprie passioni e di ciò che lo fa sentire, bontà sua, a proprio agio.
Scelte di questo tipo sono sempre più comuni in Giappone e sono spesso più ben radicali di questa, quando la fuga da una realtà che non si percepisce come propria, fa coincidere il perimetro del proprio di mondo con quello delle mura della propria casa o della propria stanza.

SETTEMBRE 2018

Sogni d’oro sulla metropolitana di Tokyo

In Giappone dormire durante i viaggi in metropolitana non viene affatto considerato inappropriato, é invece segno di una vita attiva e produttiva che non lascia che quei pochi momenti in treno per un breve riposo.

OTTOBRE 2018

Pachinko

Giocatori in una sala pachinko a Yokohama. Questo gioco, molto popolare in Giappone, è una via di mezzo tra un flipper, per il fatto di usare sfere metalliche, e una slot machine, per le vincite (soprattutto perdite) in denaro e per il coinvolgimento quasi ipnotico dei giocatori.
Nelle sale da gioco, il rumore delle sfere che rimbalzano all’interno di quelle macchine stracolme di luci e colori è assordante ma sembra non infastidire affatto i giocatori, che rimangono per ore immobili a fissarle.

 

NOVEMBRE 2018

INTERVIEW

Episodio surreale a bordo di un tram di Tokyo, dove la figura di un irreprensibile ed impettito autista si contrappone a quella di un reporter impegnato in un’intervista ad un pupazzo.

 

DICEMBRE 2018

LOST IN REFLECTIONS

Tokyo Plaza Ginza

Centinaia di specchi di forma e angolazione differenti ripetono le immagini delle persone infinite volte, rendendo la realtà quasi indistinguibile dal suo riflesso.

***

Se vuoi rivedere i contenuti del calendario 2017 clicca qui

http://www.guidobollino.com/calendario-2017/

Comments are closed.